Musica, senza steccati

lunedì 21 marzo 2011

Jon Bon Jovi vs Steve Jobs

05:18 Posted by Igor Principe , , , 5 comments
Jon Bon Jovi ha indagato sull'omicidio del music business e ha trovato il colpevole: l'assassino è Steve Jobs. Lo hanno scritto in molti, tra cui Rockol, dove si leggono le considerazioni del cantante americano.

Il concetto è semplice: ah, signora mia, com'erano belli i tempi del vinile, delle cassette e dei cd. Ora i barbari di internet hanno rovinato tutto. Ma vuole mettere, signora mia, come si stava meglio quando ci si attardava a spulciare tra gli scaffali di un negozio, e all'acquisto di un disco sconosciuto ti muoveva l'esercizio di fantasia dell'immaginare i suoni e le canzoni dal solo sguardo ad una copertina?

Ma vuole mettere, signora mia, quanto era bello ed educativo che i ragazzi scommettessero la propria paghetta su un disco basandosi solo sulla fiducia nei confronti dell'artista?

Ma vuole mettere, signora mia, quanto deliziosamente poetici fossero i walkman, dove far scorrere avanti e indietro il nastro per cercare la canzone che piaceva di più? E che vuole che fosse portarsi una valigia di cassette quando si andava in vacanza: la poesia è anche sacrificio.

Ma vuole mettere, signora mia, quanto fosse affascinante il mercato di cassette sotto i banchi di scuola, rovinato da queste jumbomail che ti consentono di passare all'amico tutto un disco in un click?

Ecco, questo è il senso delle dichiarazioni di Jon Bon Jovi. Ora, non ho idea del perché di tanta passione per la paleontologia discografica. Ma se su iTunes i suoi dischi non si vendono, non è colpa di Jobs (che è poi quello che ha legalizzato il file sharing: se proprio, ma se proprio vogliamo trovare un assassino, è Shawn Fanning).

Fai il musicista, Jon. E vedrai come iTunes saprà sorriderti. Le indagini lasciale alle procure.

5 commenti:

  1. ...e tu stai zitto che fai più bella figura. Have a nice day :-)

    RispondiElimina
  2. Buona giornata anche a te, anonimo. Peccato, però: avrei voluto conoscere almeno il nome dell'autore di una critica tanto profonda e costruttiva.

    RispondiElimina
  3. Chi ama veramente la musica sa che non c'è niente di meglio di un vinile :) Solo musica usa e getta vende su ITunes e sai cosa ti dico? MENO MALE!!!!!!!! :) Non mi verrebbe mai in mente di scaricare un album dei Jovi...

    RispondiElimina
  4. Sulla qualità del vinile, hai ragione. Ma che iTunes venda musica usa e getta, mi sembra un'affermazione frettolosa. Lì ho trovato cose che nei negozi non ci sono, lì ho trovato musicisti bravi e sconosciuti. Io credo solo che Bon Jovi dia ad altri la colpa della propria crisi creativa.

    RispondiElimina
  5. Forse non mi sono spiegata, io volevo dire che solo musica usa e getta ovvero di bassa qualità musicale oggi vende su Itunes perchè non vale la pena spendere i soldi per comprare l'intero album (esempio Lady Gaga, Bieber, Kety Perry, Thak that, Robbie Williams e chi più ne ha più ne metta). I Jovi sono una band abituata ad avere fans fedeli che aspettano con ansia l'uscita di un album, io per esempio (e non sono l'unica) ho ricomprato tutti i cd 2 volte per avere una copia originale intatta! Questo non perchè sono pazza ma perchè è musica da collezionare! Il mio è un un diverso modo di vivere la musica, per cui condivido quanto ha affermato Jon e la sua arrabbiatura! Poi guarda davvero i Jovi sono l'unica band ad oggi a stravendere nei live, davvero, altro che crisi artistica..

    RispondiElimina