Musica, senza steccati

venerdì 16 settembre 2011

Musica forte e scuola forte: sui banchi da subito!

09:37 Posted by Igor Principe , , , No comments
Aggiungo una considerazione al post lì sotto, in cui commentavo un articolo di Quirino Principe su musica forte e musica debole sottolineando la necessità, per divulgare la prima, di avere una scuola forte. In questi giorni su Facebook mi appaiono le segnalazioni di ripresa dei corsi Musicainfasce, organizzati dall'Aigam. E' un argomento che penso di conoscere, avendone scritto in un paio di occasioni (Io Donna e Il Giornale) e, soprattutto, essendo molto amico di una delle insegnanti cui si deve l'arrivo in Italia di quei corsi.

Il metodo didattico adottato da Musicainfasce è stato elaborato da Edwin E. Gordon, musicista ed educatore, che l'ha chiamato con semplicità: "Music Learning Theory". In questo caso, apprendimento musicale non significa imparare a suonare, ma imparare un linguaggio. Quella della musica, il più universale che esista. L'unico in grado di creare una condivisione piena tra due individui, siano essi accomunati o meno dal parlare la stessa lingua (il che non esclude che la musica sia anche fonte di divisione: come ogni cosa al mondo, ci si può litigare di brutto).

In che modo i bambini apprendano quel linguaggio è raccontato gran bene da Concita De Gregorio in un articolo, ormai stagionato (2003). Le sue considerazioni, e in generale l'importanza della musica nell'attività cerebrale - quindi formativa - degli individui nei loro primi anni di vita mi stupiscono ogni volta. Ma a stupirmi di più è, alla luce di quell'importanza, il disinteresse della scuola italiana per questo apporto.

Ecco perché, in quest'intervista di Michele Brambilla al ministro Gelmini, apparsa sulla Stampa di qualche giorno fa, secondo me manca una domanda: "Perché non si fa musica, nelle scuole?".

0 commenti:

Posta un commento