Musica, senza steccati

venerdì 25 novembre 2011

Where have you gone, Joe Di Maggio?

Oggi è il compleanno di Joe Di Maggio: se fosse vivo, compirebbe 97 anni. Cosa c'entra con la musica? Bè, non so voi; ma quando sento il suo nome penso subito a questo verso: "Where have you gone, Joe DiMaggio?A nation turns its lonely eyes to you".

A ricordarmelo, oggi, è un caro e omonimo amico su Facebook, che ha postato quel frammento di Mrs. Robinson sul proprio profilo. E' curiosa, la storia di quella canzone. Pare che Mike Nichols, regista del Laureato, fosse ossessionato dalla colonna sonora e stressasse Paul Simon, che aveva sottoscritto un contratto con cui si impegnava a comporre tre brani inediti per il film. Simon, in tour con Garfunkel, non riuscì a scriverne che uno. Confrontandosi con Nichols, gli accennò una canzone su temi del passato, in cui si citavano Mrs Roosevelt e, appunto, Joe Di Maggio. Nichols si illuminò e gli impose di sostituire la first lady con Mrs. Robinson.

Fu quella la genesi di un capolavoro dal quale, invece, non fu espunta la leggenda del baseball. Anzi, Di Maggio sembra restare l'aggancio allo spirito originario dell'ispirazione di Simon, che voleva celebrare il passato come epoca di sani valori perduti. Lui stesso lo affermò poco tempo dopo la scomparsa del grande Joe, parlando dell'atleta come di un'icona popolare portatrice di dignità e compostezza. Il musicista ne parlava nel 1999, criticando una società sboccata il cui primo rappresentante, l'allora presidente degli Usa Bill Clinton, rischiava di essere ricordato per un incontro "galante" di pochi minuti con un stagista della Casa Bianca.

Le riflessioni di Simon, tuttavia, sono postume. Al momento di comporre, Joe Di Maggio gli sembrò più un nome metricamente efficace, che un simbolo di virtù. Infatti, a chi gli chiese perché non avesse citato Mickey Mantle, altra leggenda del baseball (un po' come se avessero chiesto a un qualsiasi altro autore perché Platini e non Maradona), Simon rispose che era questione di metrica, e che la sillabazione di Joe-Di-Mag-gi-o calzava più di Mi-cky-Man-tle.

(Tutto ciò mi riporta a una vecchia discussione con Martchelo...)

2 commenti:

  1. uh uh uh.... e poi, dai, con Joe Di Maggio si pensa un po' anche alla Marilina.

    RispondiElimina
  2. grazie Paul!!! spiegalo tu a igor ;)

    RispondiElimina