Musica, senza steccati

lunedì 23 aprile 2012

George Gershwin, dal loggione

Sabato sera ero alla Scala per il concerto della Filarmonica. Programma interamente dedicato a George Gershwin: Catfish Row, Un americano a Parigi, Concerto in Fa. Direttore, Riccardo Chailly; pianista, Stefano Bollani.

Un concerto che attendevo, amando visceralmente la musica dell'americano - l'unicità del suo talento merita un post a parte - e avendo molto, molto apprezzato quanto pubblicato da Bollani e Chailly l'anno scorso. Un concerto in cui mi sono emozionato più volte: all'attacco di Summertime, alle prime note del Blues dell'Americano a Parigi, sullo swing di Rialto Ripples (primo dei bis). Ciò mi porta su un piano di acriticità pressoché totale, dal quale non posso permettermi recensioni.

Posso però permettermi di tornare su una questione: quella dei loggionisti. Mi affido a un piccolo tentativo di drammaturgia.

Interno teatro, I galleria. Ore 19.55 circa. Dialogo a due.
Loggionista 1: Hai sentito le Nozze?
Loggionista 2: Sì... una...
1: Una ciofeca
2: Già. L'hanno buuato
1: Ancora?
2: Sì, anche nelle repliche
1: E certo. Voglio dire, hai 24 anni, e scrivi il libro, e fai le Nozze, e vai da Fazio. Oh, e calmati un po', eh.

Il dialogo di cui sopra si riferisce ad Andrea Battistoni, direttore d'orchestra molto giovane, autore del libro Non è musica per vecchi. Battistoni ha diretto le Nozze di Figaro, e su questa cosa ho avuto uno scambio di opinioni con Luca Sofri. Ma andiamo avanti.

Interno teatro, I galleria. Ore 21.45 circa. Dialogo a due.
Loggionista 1: Grande! Grande.... Ah, adesso suona una cosa sua, l'ha fatta nei bis alla prova aperta.
Loggionista 2: Ah, sì? Maddai!
1: Eccola... sì, sì, è sua.

Il riferimento è al terzo dei bis che Bollani ha suonato, aiutato dal contrabbasso e dalla batteria. Si tratta di Autumn Leaves, nota anche come Les feuilles mortes (o Le foglie morte). Musica di Joseph Kosma, testo di Jacques Prevert, anno 1945.

Vien voglia di dar ragione a Sofri e a quanto pensa dei loggionisti. E di brutto pure.


3 commenti:

  1. Al loggionista che apprezza Bollani perdoniamo tutto! :-))
    PS: Il terzo bis non era Chorinho pra ele? (un pelino meno facile da conoscere...)

    RispondiElimina
  2. Ciao Anto. Come bis ho contato: Rialto Ripples (con orchestra), Maple Leaf Rag (solo), Autumn Leaves e Apanhei-te Cavaquinho. Non vorrei però essermi confuso... A presto!

    RispondiElimina
  3. Mi son confuso io sia per il brano carioca che per il numero dei bis (Rialto non lo consideravo bis). Allora quei loggionisti hanno rimediato una figura davvero barbina! :-)

    RispondiElimina