Musica, senza steccati

lunedì 11 giugno 2012

Milano 2012, il più bel concerto di Bruce Springsteen

06:09 Posted by Igor Principe , , , 1 comment
Il più bel concerto della mia vita. Questo è stato lo show di Bruce Springsteen & The E Street Band del 7 giugno 2012 allo stadio di San Siro, Milano. Scrivo queste note a tre giorni da quel momento: sono le 23.15 del 10 giugno e a quest'ora, 72 ore fa, saltavo come un grillo nel prato dell'arena, a una trentina di metri dal palco.


In questi due giorni ho provato a comprendere perché quella sensazione - provata alla fine di quasi tutti i concerti di Springsteen - fosse più forte del solito. Poi ho letto Leonardo Colombati e ho capito tutto. Lui ha centrato le parole, e a lui rimando per descrivere come mi sento. Forse l'unica cosa che non sottoscrivo è la sua sicurezza nell'affermare che si è trattato anche per Bruce del concerto più bello della propria carriera. Nessuno di noi, se non Bruce medesimo, può dirlo. E poi la vulgata dice che il più bel concerto di Bruce Springsteen si sia tenuto il 19 settembre 1978 al Capitol Theatre di Passaic, N.J., immortalato nel bootleg più venduto nella storia del rock: Pièce de Resistance. Ho ascoltato quel nastro (li avevo su un paio di TDK) centinaia di volte, e la magia che ne promana non sfiorisce mai.

Ecco, il 1978 è fondamentale per capire il mio discorso. I concerti di quell'anno (e in generale della tournée di Darkness on the edge of town) sono stati quelli su cui Bruce ha costruito il suo mito di performer. I fan italiani li hanno sognati per una vita. Qualcuno di loro ne ha vissuto la scia con il concerto del tour di The River a Zurigo, nell'aprile dell'81 (mezzo Hallenstadion era tricolore). 

Facciamo un salto di trent'anni, e arriviamo al 2008. Siamo sempre a San Siro, è il 25 giugno e Bruce tiene un concerto strepitoso (lo show per il quale il promoter Claudio Trotta ha rischiato una condanna penale). La scaletta è un sogno per tutti i vecchi fans: Candy's Room, Summertime Blues, Spirit in The Night, Because The night, Detroit Medley, Thunder Road, Born to Run, None but the brave, Rosalita, Racing in the street. In certi momenti, sembrava di essere catapultati al tour di Darkness o di The river. E lo stesso è accaduto un anno dopo a Torino, quando il concerto del 21 luglio è passato alla storia come quello di Drive all night.

Tra i pazzi amici devoti a questo culto irrazionale e splendido ci si diceva: "Sta facendo le scalette che noi pensavamo perdute per sempre". Vero. Ma erano scalette del passato, come se il nuovo non avesse sostanza tale da meritare attenzione. E infatti, di Magic e di Working on a dream, i due dischi che hanno preceduto l'ultimo (Wrecking Ball), pochi brani.

L'altra sera, invece, l'ultimo disco ha dominato il conto con 8 canzoni, rese ancor più belle da arrangiamenti splendidi e da un'intensità esecutiva altissima. In mezzo, le chicche di un tempo e le canzoni da stadio (Waiting on a sunny day o Hungry heart, giri armonici basilari e ugole al vento), con gioielli rari come The Promise o eterni come The River.

Ecco, insomma, perché ho visto il concerto più bello dei miei 15 di Bruce Springsteen. Perché sul palco c'era non solo un rocker capace di 3 ore e 40 minuti di show (sembra il suo secondo più lungo di sempre), ma un artista che non si è fermato a celebrare il proprio passato. I brani di Wrecking Ball, arrangiati alla perfezione, si sono inseriti nella fisiologia dello show non come diversivi tra una pietra miliare e l'altra, ma come momenti da godere fino in fondo quasi fossero tratti da Born to Run, Darkness o dagli altri album totem di Bruce. Era, in tutto e per tutto, un concerto calato nel presente come lo fu l'esordio italiano, il 21 giugno 1985 sempre a San Siro, spettacolo storico richiamato sempre da Springsteen ogni volta in cui suona a Milano, città che davvero considera una propaggine di New Jersey in terrà italica.

(Nella foto, i pazzi amici dopo il concerto. Meritava la pubblicazione)

(Nel video, My city of ruins. Per quanto mi riguarda, toccante).

 

1 commento:

  1. bè io di concerti ne hò visti 10
    non ti sò dire il più bello.
    l'ultimo di milano!!!!
    forse perchè è stato il più lungo?
    quello con ben 33 canzoni? non sò.
    sicuramente il mio preferito sarà quello dove lo sentirò cantare the fever e n.y. city serenade
    bello sognare e?.

    RispondiElimina