Musica, senza steccati

venerdì 20 giugno 2014

Make Music Milan: finalmente, la festa della musica

05:06 Posted by Igor Principe , , , No comments
Uno potrebbe anche chiederselo: possibile che non siamo più capaci di creare nulla di autenticamente nostro? Prendiamo PianoCity: l'idea l'hanno avuta a Berlino, noi l'abbiamo importata nel 2012. E prendiamo Make Music Milan: trasformare il 21 giugno nella Festa della Musica è una cosa che a Parigi si fa dal 1982. Sì, quell'anno lì: Bearzot, il Mundial, Paolo Rossi e Campioni del Mondo per tre volte. Trentadue anni fa. Da noi arriva solo ora.

Uno potrebbe anche chiederselo, basando le proprie perplessità su fatti difficilmente confutabili. Ma la miglior risposta a domande di questo tipo è «chissenefrega». PianoCity, in tre edizioni, ha raccolto sempre più pubblico, e nell'ultima ha trasformato Milano in una capitale della musica, con concerti nelle case, nei cortili e migliaia di persone nei luoghi simbolo della città, seduti o sdraiati su un plaid per ascoltare musica suonata da grandi professionisti e capacissimi dilettanti.

Make Music Milan, che si tiene domani dalle 18 alle 24, promette altrettanto pur essendo gli show concentrati in sole sei ore. I numeri dicono di 800 musicisti e 130 concerti in 90 luoghi milanesi. Musicisti, di nuovo come per PianoCity, non significa solo professionisti ma anche appassionati che, dilettandosi con uno strumento, abbiano scelto uno dei punti cittadini allestito a palcoscenico e si siano iscritti per partecipare.

L'evento, manco a dirlo, è caratterizzato da un hashtag: #elefantiamilano. Riferimento criptico a un'invasione di qualche secolo fa, quando un certo Annibale Barca passò le Alpi a bordo dei pachidermi. Non passò da Milano - o quel che era allora, nel 218 a.C. -, sicché serve un po' di immaginazione per collegare gli zannuti quadrupedi a una ben più pacifica invasione di musicisti. Ne serve un po' di meno per pensare che domani possa ripetersi qualcosa di simile a ciò che accade di solito a Parigi, come mostra il video lì sotto. Cioè una gran bella festa.

0 commenti:

Posta un commento