Musica, senza steccati

venerdì 29 giugno 2018

Venezia si tinge di jazz

La musica è come il vento: appena trova uno spiraglio passa, e si infila ovunque. Così te la ritrovi dove non te l’aspetti. O meglio, dove te l’aspetti meno che altrove: in un centro commerciale.

Non si parla della musica che accompagna gli acquisti, diffusa distrattamente da altoparlanti in perenne attività; si parla invece della musica suonata per essere goduta e ascoltata fino in fondo. La musica dal vivo, per capirci bene. Da tempo è protagonista di festival organizzati proprio laddove le persone si radunano per dedicarsi ad altro: fare shopping, mangiare un boccone, trascorrere qualche ora staccando dagli impegni quotidiani.

La musica, in casi come questi, ha un compito preciso: rendere migliore quei momenti, superando la basilare offerta di intrattenimento per diventare arte, e delle migliori. Nel caso di cui parliamo, jazz. E il caso di cui parliamo si chiama Nave de Vero.

Più precisamente, si chiama Nave de Vero in Jazz 2018, quinta edizione di un appuntamento che dal 2014 ha ospitato nel centro commerciale veneziano artisti internazionali di altissimo calibro. Il 2018 offre un cartellone che conferma la qualità di quel calibro, con quattro serate pensate non solo per chi il jazz lo ascolta e lo ama, ma anche per avvicinare chi non ce l’ha nel proprio orizzonte musicale.

Ivan Lins
È anche per questo che l’onere (e l’onore) di aprire Nave de Vero Jazz 2018 è affidato a Ivan Lins, leggenda della musica tout court. Pur se incasellato nel genere jazzistico, un artista come Lins sfugge alle convenzioni, e l’elenco degli artisti con cui ha collaborato portando la propria visione innovativa della cultura brasiliana lo dimostra: si va dalle icone del jazz (Sarah Vaughan, Quincy Jones, Ella Fitzgerald) a quelle della musica più popolare (Sting, Barbra Streisand, Michael Bublè). Lins sarà sul palco venerdì 6 luglio accompagnato dalla sua band e da un ospite italiano d’eccezione: il pianista Antonio Faraò.

Mike Stern e Randy Brecker
Il venerdì successivo (13 luglio) tocca invece a un quartetto guidato da una coppia d’eccezione, composta da Mike Stern e da Randy Brecker. Il chitarrista e il trombettista suoneranno con una sezione ritmica costituita da Dennis Chambers alla batteria e da Tom Kennedy al basso.

Chano Dominguez
Venerdì 21 luglio, invece, si passa alla contaminazione tra la culture spagnola e afro-americana: il protagonista del concerto è Chano Dominguez, accompagnato dal bassista Horacio Fumero e dal batterista Guillermo Mcgill. L’eccezionale pianista spagnolo è tra i maggiori innovatori nel mondo del flamenco-jazz, e in oltre quarant’anni di carriera ha diviso il palco con «mostri» quali Paco De Lucia, Wynton Marsalis e Herbie Hancock.

Enrico Rava

Il finale di Nave de Vero in Jazz 2018 è tutto per una delle star italiane più note al mondo: Enrico Rava. Sarà lui venerdì 28 luglio, con il suo New Quartet, a chiudere il festival portando su palco la formazione che nel 2015 ha vinto il referendum Top Jazz di Musica Jazz, la rivista «bibbia» del settore. A sostenere l’inconfondibile voce della tromba di Rava saranno Francesco Diodati (chitarra), Gabriele Evangelista (contrabbasso) ed Enrico Morello (batteria).

COSE UTILI DA SAPERE

Nave de Vero in Jazz 2018 si tiene in Piazza de Vero a Marghera (Ve). Tutti i concerti iniziano alle 21.30, l’ingresso ai tavoli prenotati è previsto alle 20.00. La piazza sarà allestita con posti a sedere con consumazione obbligatoria.

Per prenotarsi sono attive tre modalità: andare sul sito della manifestazione (dove sono presenti tutte le informazioni del caso), rivolgersi al Box Informazioni di Nave de Vero o direttamente presso uno dei ristoranti di Piazza de Vero.


0 commenti:

Posta un commento